«Il presente fa del passato l’uso che vuole» (Tzvetan Todorov)

8 febbraio 2017

todorov_cit_gli-abusi-della-memoria

Dieci giorni fa celebravamo la “Giornata della Memoria” e ieri è morto Tzvetan Todorov. Nell’ultima pagina del suo “Gli abusi della memoria” c’è il passaggio che potete leggere nella foto qui sopra.
Quel che dobbiamo imparare dalla Shoah è ciò che la rese possibile: da un lato l’aumento dell’indifferenza (anche in un Paese colto come la Germania degli anni ’30) e, dall’altro, lo svilimento del linguaggio (che sdoganò odio sospetti pregiudizi). Non ha senso tramandare una qualche memoria se poi non si coglie la sua essenza, ovvero che gli orrori – anche quelli abnormi come la Shoah – saranno sempre possibili a seconda del nostro atteggiamento verso la sofferenza.

  • La settimana scorsa un ragazzo è stato violentato dalla polizia in una banlieue parigina.
  • Lunedì a Bolzano un consigliere comunale neofascista si è scagliato contro uno spettacolo teatrale.
  • Ieri a Roma c’è stato un sit-in delle seconde generazioni contro l’apatia del parlamento verso la legge sullo jus-soli (che già era un compromesso al ribasso ed ormai è praticamente abbandonata in uno scantinato di Montecitorio).
  • Stamattina leggo che alcuni dott., prof. e ing. – sedicenti amanti di Capri – temono l’arrivo sull’isola degli «emigranti (in genere clandestini)».

Ecco, mi fermo qui, perché è troppo anche fare un elenco del genere. Però, considerati questi risultati, ditemi voi se negli ultimi decenni la “memoria” è stata celebrata adeguatamente in Italia e in Europa.
Come diceva Todorov in un altro passaggio di quel libro, «noi dobbiamo mantenere viva la memora del passato: non per chiedere risarcimenti per l’offesa subita, ma per restare attenti di fronte al manifestarsi di situazioni certamente nuove, ma a volte analoghe».

– – –

In merito alla scompasa di Todorov, segnalo gli articoli seguenti:

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in alterità, antidoti, citazioni, guerra e pace, memoria, migranti, penisola sorrentina, riflessioni, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...