Una bomba al cloro su Aleppo, Siria

13 agosto 2016

Aleppo è la seconda città della Siria (nel 2009 vi erano stimati circa 2 milioni di abitanti, più che a Damasco), una delle più multietniche di quella zona del pianeta. Nel disastro e nella confusione siriani, dalla metà di luglio ad Aleppo la battaglia si è intensificata, coi ribelli circondati dall’esercito del presidente siriano Bashar al Assad, sostenuto da Vladimir Putin. I nove ospedali della città sono stati tutti colpiti, così come – nella regione circostante – negli ultimi giorni sono stati bombardati un ospedale pediatrico gestito da “Save the Children” e un ospedale di “Medici Senza Frontiere“.
Due sere fa, nella notte tra il 10 e l’11 agosto, le forze governative sostenute da Mosca hanno sganciato almeno una bomba al cloro in un quartiere sotto controllo dei ribelli, come documentano queste immagini della “BBC“, e come affermato anche da “Amnesty International“.

screenshot-2016-10-06-14-46-04Ricordo a tutti che l’uso di armi chimiche è un orrore indegno, un crimine di guerra di cui spero un giorno rispondano i responsabili.
Nel nostro piccolo, qui su questo socialmedia, magari potremmo almeno accorgercene, che ne dite?

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in guerra e pace, segnalazioni, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Una bomba al cloro su Aleppo, Siria

  1. Pingback: La Siria è oltre l’inferno | il Taccuino dell'Altrove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...