Vince chi rompe gli schemi

10 luglio 2016

Stasera, in centro a Nizza, gli ultimi minuti della finale sono stati in apnea.
Migliaia di persone con i pugni chiusi e lo sguardo incollato ai tre maxischermi, sudate di tensione e calura, hanno rilasciato i nervi solo al fischio di chiusura dell’arbitro, quando è esplosa la gioia di un gruppetto di portoghesi immersi in un mare di risentimento e invidia.

13613338_663865197098710_7870065749792864742_o

Quel mare, però, si è diradato velocemente: a passo svelto e in silenzio, ciascuno ha preso la propria direzione, con il blu-bianco-rosso scolorito sulle guance e con la bandiera indossata a mo’ di mantello di Superman. Qualcuno in un bar grida ancora una volta “Alé les Blues”, ma nessuno lo segue.
Intanto i festeggianti si sono spostati di alcuni metri, al centro della piazza principale, così mi avvicino e vedo una decina di ragazzi che saltano e si abbracciano. Scandiscono “Por-tu-gal, Por-tu-gal!”, ma soprattutto sventolano tre bandiere: una del Portogallo, una del Brasile, una dell’Angola.
Sorrido per la loro felicità, ma soprattutto perché mi accorgo che le vere vittorie stanno nella rottura degli schemi.
Torno a casa, comincia qualche carosello di auto.

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in alterità, antidoti, nizza, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...