Chernobyl, 30 anni fa

Oggi, 26 aprile, è un anniversario importante: sono 30 anni dal disastro di Chernobyl, nel 1986. Nel video qui sotto, realizzato dall’ “Institut de radioprotection et de sureté nucléaire” [anche qui] e diffuso da “Le Monde“, è riprodotta l’immensa nube radioattiva che si sprigionò dalla centrale in Unione Sovietica (oggi Ucraina) e che coprì l’Europa (il filmato riproduce i suoi movimenti fino al 9 maggio 1986).

Quella che è rimasta è una «invisibilità del male», come la chiama Jean-Pierre Dupuy, perché dietro di essa la catastrofe ha lasciato solo il nulla di campi devastati, villaggi in rovina, case disabitate: nessuna traccia di vita, giusto un sarcofago di cemento che ricopre il vecchio reattore, ancora radioattivo.
Per la verità, secondo uno studio pubblicato su “Current Biology” nell’ottobre 2015, nell’area interdetta agli umani è in atto un ripopolamento di animali: cani, lupi, alci, cinghiali, da cui si deduce che «gli esseri umani sono peggio delle radiazioni, per gli animali di Chernobyl».
Infine, segnalo che anche dopo un disastro del genere si può tornare a ridere, come testimoniano le fotografie di Daniele Ottobrino del reportage “Contaminati dall’allegria”, pubblicate tempo fa su “Frontiere News“.

Tra i tanti contributi di questi giorni, segnalo la graphic novel di Tiziano Angri pubblicata su “La Nuova Ecologia” di questo mese (disponibile online in pdf; la storia è alle pagine 69-72), che fa leva sull’invisibilità e l’impalpabilità di quest’incubo:

Schermata 2016-04-26 a 11.19.36

Clicca sullo screenshot per accedere al pdf di “La Nuova Ecologia” di aprile 2016.

Pripyat (Ucraina), Namie (Giappone), Varosha (Cipro), Kantubek (Uzbekistan), Centralia (Pennsylvania, Stati Uniti), Epecuén (Argentina), Plymouth (Montserrat), Pompei (Italia).
Blandine Le Cain racconta su “Le Figaro” disastri diversi – nucleari, bellici, biochimici, incendiari, idrici, vulcanici… – che, tuttavia, hanno avuto medesimi risultati: l’abbandono di una città, un’apocalisse urbana.

Schermata 2016-04-26 a 13.35.54

Clicca sullo screenshot per accedere all’articolo su “Le Figaro”.

Oggi “Slate.fr” gioca all’apocalisse: inserite il nome della vostra città e scegliete una catastrofe tra: Hiroshima, Haiti, Fukushima, Chernobyl, Vesuvio, Asteroide, Katrina e Kamehameha (cioè l’onda energetica di “Dragon Ball”).

Schermata 2016-04-26 a 15.10.39

Clicca sullo screenshot per accedere all’articolo di “Slate.fr”.

Qua e là qualcuno è tornato a vivere a Chernobyl e non se ne vuole andare: «They have returned to their homes, where they can feel free. Having been born here they refuse to leave, even if that could mean they will have to die sooner». Ed è questa “strana” umanità che quelli come me guardano con più curiosità e interesse.

Schermata 2016-04-27 a 09.22.32

Clicca sullo screenshot per accedere all’articolo.

[Ne ho scritto anche su Fb: qui e qui]

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, antidoti, memoria, rischio, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Chernobyl, 30 anni fa

  1. Pingback: L’ipotetica comunicazione del rischio intorno al Vesuvio | Paesaggi vulcanici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...