I tre scenari dell’ONU per il Burundi

Come ho riferito alcuni giorni fa nel mio ultimo aggiornamento sulla crisi del ‪Burundi‬, pubblicato su “African Voices“, il giornale statunitense “Vice” ha fatto trapelare un appunto confidenziale dell’ufficio peacekeeping delle Nazioni Unite, in cui si documenta l’impreparazione della massima istituzione mondiale nel caso in cui nel Paese africano scoppino violenze di massa. In quel memo sono delineati anche tre possibili scenari, come spiegato in un articolo di “RFI” e nella seguente trasmissione radiofonica francese:

Screenshot 2016-01-19 22.17.57

Clicca sull’immagine per accedere allo streaming audio su fb.

  • Primo scenario: la situazione rimane stabile, con violazioni regolari dei diritti umani, anche da parte di polizia e forze di sicurezza. Le Nazioni Unite dovrebbero quindi condurre una missione di osservazione e sostegno, la cosiddetta Maprobu (Mission africaine de prévention et de protection au Burundi), che prevede l’impiego di 5.000 peacekeeper dell’Unione Africana.
  • Secondo scenario: si registra un aumento del livello di violenza dopo una spaccatura nelle forze armate o a causa di un assassinio politico. Gli scontri sono aperti, non vi è più alcun dialogo politico e la Maprobu non può gestire la situazione. Di conseguenza, la violenza si estende all’interno del paese e lungo le frontiere con la RDC e col Rwanda. Il numero di rifugiati raddoppia e l’emergenza umanitaria coinvolge 2 milioni di persone, l’economia crolla.
  • Terzo scenario: la violenza assume una dimensione etnica e si compiono crimini contro l’umanità, crimini di guerra e genocidio. Il Paese intero è in fiamme, coinvolgendo anche le nazioni vicine.

Ecco, in meno di un anno di crisi politica e sociale in Burundi, siamo arrivati a parlare di questo inferno. Riuscite ad immaginare una cosa del genere per l’Italia o per la vostra regione?

– – –

INTEGRAZIONE:
Si tratta di un dossier “tossico”: a chi giova che sia trapelato alla stampa? Se lo domanda “L’Obs” in questo articolo di ieri sera, in cui ricostruisce l’escalation di violenza degli ultimi mesi in Burundi. Oggi, intanto, comincia una missione di mediazione a Bujumbura dei membri del Consiglio di Sicurezza dell’Onu capeggiata dall’ambasciatore degli USA, ma si tratta di un fallimento annunciato, osserva il giornale francese.
Intanto, in un rapporto di ieri, il Dipartimento di Stato degli USA parla di fosse comuni e di gravi violazioni dei diritti umani in Burundi.

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in antidoti, burundi, citazioni, guerra e pace, letto-visto-ascoltato, rischio, segnalazioni, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...