“Tintin in Congo” non è razzista

«Dato il contesto dell’epoca, Hergé non poteva essere motivato da un desiderio razzista». Lo ha stabilito la Corte di Appello della magistratura belga (“HuffPost.it”, 5 dic. 2012: QUI).
Ma il razzismo non è sinonimo di cattiveria o di malvagità, il razzismo è qualcosa di più semplice: è il pensare che esistano le razze umane. Il corollario di tale ideologia, com’è noto, è che gli esseri umani e le società si trovino su una scala gerarchica di tipo evolutivo. Entrambe le convinzioni (l’esistenza delle razze e l’evoluzionismo sociale) sono grossolani errori storici e antropologici, oltre che una vergogna politica, ma nonostante la totale smentita di qualsiasi presupposto scientifico del razzismo, la sua presenza e la sua influenza nel contesto socio-politico attuale sono ancora cospicue. Evidentemente,  questo ci impone di affrontare e risolvere una questione urgente: seppure all’epoca della prima edizione del fumetto (1930/31) l’autore, l’editore, i lettori e così via non ne avessero avuto consapevolezza (davvero? mah…), oggi che facciamo? Continuiamo a commercializzare – dunque a reiterare – rappresentazioni razziste dell’Altro? Perché si, tecnicamente sono razziste.

Insomma, ecco un’altra sentenza di cui attendere le motivazioni per discuterne in modo appropriato.

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in alterità, antidoti, letto-visto-ascoltato, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Tintin in Congo” non è razzista

  1. giogg ha detto:

    Tramite Scribd è possibile consultare almeno due versioni online del fumetto incriminato:
    1) in francese (a colori)
    2) in inglese (in bianco/nero)
    Ad un altro indirizzo, però, è presente una copia in pdf che è possibile scaricare (versione in inglese, bianco/nero): QUI (cliccate “download”, poi inserite il “captcha”, cliccate ancora “download”)
    – – –
    Sul legame tra “razza” e “razzismo” c’è un’ampia letteratura antropologica, ma per brevità consiglio questo articolo di Adriano Favole: La razza? Un prodotto del razzismo (“Corriere della Sera”, 1 aprile 2012): QUI (html) o QUI (pdf).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...