Sbatti il mostro in home page

4 giugno 2011: María José Cristerna la ‘donna vampiro’, qui;
28 gennaio 2012: Tatuaggi, il ritorno della “moglie del vampiro”, qui;
23 settembre 2012: Cristerna, il ritorno della donna vampiro, qui.

In 16 mesi “Repubblica” ha riproposto per (almeno) tre volte la stessa non-notizia. Siccome nelle didascalie delle tre gallerie fotografiche è specificato che la signora Cristerna è un avvocato specializzato nella difesa delle donne maltrattate, mi domando perché “Repubblica” non mostri delle immagini di costei in tribunale, al lavoro, mentre sostiene una vittima. E, al contempo, non mi spiego perché non la smetta di insistere e reiterare l’aspetto morboso di una “diversità” certamente scioccante, ma sempre e comunque di facciata.
Le opzioni sono due: o l’avvocato Cristerna è un bluff (e allora mi aspetto che “Repubblica” lo sveli) o il bluff è “Repubblica” che, lungi dall’essere un giornale progressista, non si fa scrupoli a usare nani e ballerine per aumentare di qualche click il proprio traffico web.
Secondo voi qual’è l’ipotesi più verosimile?

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in alterità, letto-visto-ascoltato, riflessioni, taccuino 2.0 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...