Si sta come d’autunno

Ma chi è che racconta la vita gli italiani? Ma diciamo la verità, ma noi cosa ne sappiamo della gente che ci sta attorno? Di come vivono in certi paesi, di come se la passa un pensionato, di che prospettive ha un giovane? Quando ce ne occupiamo? […] Io per mestiere ho girato il mondo e spesso mi è capitato di sentirmi dire: “Ma lei è orgoglioso di essere italiano?”. Allora la gente naturalmente pensa a Leonardo, a Fermi. Ed io ho detto: “Orgoglioso è un termine che non mi appartiene. Io sono contento di essere italiano”. E loro m’han detto “Perché?”. S’aspettavano che dicessi Leonardo, Giotto, l’arte… Io ho detto: “Per l’umanità della mia gente, che si rivela soprattutto quando le cose vanno male”. Su un muro di Roma durante l’occupazione un popolano ha scritto: “Annatevene tutti, lasciateci piagne da soli”.
Enzo Biagi [*] (“Che tempo che fa”, 23 aprile 2006, *)

PS: L’ultima cosa che mi hai detto è “Alla fine della vita rimangono solo i ricordi, cerca di averli belli”. Caro Enzo, mi hai fatto sentire libero, senza mai parlarmi di libertà, mi hai fatto sentire onesto, forte, dignitoso e bello. Ci ha fatto tanto bene averti avuto tra noi. La tua figura sorridente e semplice sarà uno di quei ricordi che mi hai suggerito di conservare. Grazie caro Enzo. (Roberto Benigni)

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in memoria. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Si sta come d’autunno

  1. ggugg ha detto:

    Mauro Biani (7 novembre 2007):

    Rusko (7 novembre 2007):

  2. marcol62 ha detto:

    mitico enzo biagi.

  3. Eccardo ha detto:

    parole significative..

  4. mpinaCiancio ha detto:

    quando i grandi se ne vanno è come se una parte di noi si spegnesse con loro… Mapi

  5. ggugg ha detto:

    «Enzo Biagi era non solo un grande cronista. Era un galantuomo e ci lascia un esempio limpido di integrità umana e professionale. In molti questa settimana lo hanno ricordato, chi rendendogli omaggio, chi dandogli un calcio nelle palle. […] Vediamo un po’ in azione questi ipocriti». Qui (video di 10’).

    Daniele Luttazzi, seconda puntata di “Decameron”, 10 novembre 2007
    (Le citazioni sono di Silvio Berlusconi, Pierferdinando Casini, Paolo Bonaiuti, Mario Landolfi, Clemente J. Mimun, Sandro Bondi, Paolo Mieli, Bruno Vespa, Franco Frattini, Gianfranco Fini, Roberto Formigoni, Lorenzo Cesa, Ignazio La Russa, Cesare Lanza, Massimo Ferrario)

  6. ggugg ha detto:

    «Mi sono battuto perché Biagi restasse in tv, ma alla fine prevalse il suo desiderio di poter essere liquidato con un compenso molto alto. […] Mai detto che Biagi dovesse andare via. Ad imprenditori italiani dissi che non era giusto utilizzare la tv in modo criminoso. Caddi in un’ingenuità»
    (Silvio Berlusconi, “Tv7 – Rai”, 15 febbraio 2008)

    YouTube, Corriere della Sera, Repubblica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...