La concretezza dell’immateriale

Chissà come sarà l’anno 7002? Chissà cosa rimarrà del mondo che conosciamo oggi? Beh, futurologi e archeologi, esponete pure liberamente le vostre ipotesi: il Taccuino è curioso!
Forse le nostre città saranno completamente invase dalla vegetazione come è successo a Goa, o stravolte dalla “modernizzazione” come sta accadendo a Pechino, ma indizi e reperti del passato se ne troveranno anche allora: cocci, ruderi, sculture e magari pitture e libri continueranno di certo a raccontare le generazioni precedenti. Ma come la mettiamo con la musica, le fiabe, le sacre rappresentazioni, l’espressività, le danze, le feste, gli spettacoli…?
In breve, come può la performance restare nel tempo?
Dieci anni fa Alberto Mario Cirese distinse tre tipi di beni culturali: “immobili” (edifici e simili), “mobili” (ex-voto o aratri, per esempio) e “volatili” (quelli che «per essere fruiti più volte, devono essere ri-eseguiti o rifatti», che «sono insieme identici e mutevoli e vanno perduti per sempre se non vengono fissati su memorie durevoli»). Gli studiosi italiani di antropologia, poi, hanno ampiamente dibattuto su quale fosse il termine più esatto tra “volatile”, “inoggettuale”, “intangibile” e quello oggi di maggior uso, che è “immateriale”.
Lo scorso 30 dicembre «Repubblica» presentava un articolo di Maria Novella De Luca su due convenzioni Unesco riguardanti la “Diversità Culturale(it) e i “Beni Intangibili(en): la prima è stata ratificata recentemente dal nostro Senato, la seconda è pronta per essere discussa durante questo mese, dopodichè «si dovrà stilare la lista degli eventi da considerare patrimonio dell’umanità, […] pezzi di memoria collettiva da conservare e salvare dall’oblio».
È una notizia che mi ha fatto un gran piacere per due ragioni: la prima è che finalmente viene posta degna attenzione ai beni immateriali, che sono specifici del patrimonio demoetnoantropologico; la seconda è che da anni vado in giro per il Sud Italia a fotografare feste popolari, che a volte ho visto agonizzanti, altre in pieno vigore, altre ancora fortemente segnate dall’invasione turistica.
Già alcuni anni fa Roberta Tucci sottolineava che «per i beni immateriali viventi, diffusi nel territorio, l’unica protezione applicabile è quella che prevede la ricerca e la documentazione da un lato e la valorizzazione dall’altro». A tal fine, l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione nel 2002 ha presentato la scheda BDI, specifica per la ricognizione del patrimonio immateriale, che ha rivoluzionato le vecchie schede FK. Accanto a questo, però, diventa essenziale anche l’attivazione di «una costante e pertinente promozione di tali patrimoni per una loro allargata conoscenza e circolazione culturale», attraverso programmi mirati che prevedano – ad esempio – la realizzazione di itinerari etnografici, campagne di catalogazione sul campo, sistemi museali territoriali e tematici, riutilizzo di tecniche e di saperi, rivitalizzazione di giochi…

    PS:
1. La citazione di A. M. Cirese è tratta da “I beni demologici in Italia e la loro museografia”, in P. Clemente, “Graffiti di museografia antropologica italiana”, 1996.
2.
L’articolo di M. N. De Luca: “Unesco, è un tesoro il folklore d’Italia”, in «la Repubblica», 30 dicembre 2006: qui.
3. Roberta Tucci è un’antropologa del Centro Regionale per la Documentazione dei Beni Culturali e Ambientali della Regione Lazio. Le sue parole sono tratte da “Beni demoetnoantropologici immateriali”, articolo apparso sul primo numero di «Antropologia Museale», maggio 2002. Sulla stessa rivista fu pubblicato anche un contributo di A. M. Cirese dal titolo “Beni immateriali o beni inoggettuali?”, nonché una sitografia ragionata dell’“Antropologia dei patrimoni culturali” di Eugenio Testa, che riproduco – linkata – qui di seguito: 1) Unesco, Culture & Unesco, WIPO (World Intellectual Property Organization, agenzia Onu), World Heritage, Intangible HeritageMemory of the World Programme – Preserving Documentary Heritage; 2) ICOMOS (International Council On Monuments And Sites); 3) Cultura Unione Europea, Antenna Culturale Europea; 4) Cultura Commissione Europea; 5) La Mission du Patrimoine ethnologique, Répertoire de l’ethnologie de la France.
4.
Italo Calvino dice che «si è ciò che non si butta via». Voi cosa siete? Ovvero: cosa non avete ancora buttato?

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in antidoti, musei. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La concretezza dell’immateriale

  1. ggugg ha detto:

    Io credo che la conservazione serva all’oggi e non ad un futuro remoto che chissà se il genere umano riuscirà a vivere tra 5000 anni. Tutelare, proteggere, valorizzare sono pratiche utili al nostro presente perché alimentano la consapevolezza di essere dentro un flusso culturale specifico ma non assoluto, perché rafforzano quel senso di appartenenza che può mitigare il sentimento di precarietà che spesso si prova nei confronti della realtà socialmente costruita, perché – semplicemente – promuovono la conoscenza tra gli uomini e tra i popoli.
    Durante le Feste appena terminate mi sono accorto di non aver buttato la “Canzone di Capodanno” che, regolarmente, si è cantata in famiglia per una buona mezzora di frastuono la sera del 31.
    Ho deciso, dunque, di conservarla anche qui. Dedicandola a tutti voi che passate da queste parti.

    CANZONE DE LO CAPO D’ANNO

    La bona sera e buon principio d’anno / a tutte sti signure in compagnia! / Simmo venute e turnammo ogne anno / per farve chill’aurio che sapimmo.

    Spilateve li rrecchie, apritece lu cure, / la casa, la dispensa e la cantina, / ca cheste so’ ghiurnate de cuntiente: / se magna e beve e nun se penza a niente.

    Aprimmo l’anno nuovo / co tric-trac e botte / passammo chesta notte / in allegria.

    Nascette lu Messia / avenne puveriello, / nu voje e n’aseniello / pe vrasera.

    Da tanno a sta manera / passato s’è stu juorno, / pe ffà dispietto e scuorno / a Farfariello.

    Ca chillo mariunciello / nce avea tutte aggranfate / nè ce avarrìa lassate / e nce arrosteva.

    Si ntiempo nun veneva / da Cielo lu Guaglione, / ca p’essere sguazzane / nce priggiaje.

    E tutte da li guaie / vulette liberarce, / patenno e co lassarce / purzì lu piello.

    Ma nuie che scurdarielle / nun simmo e manco ngrate, / passammo sti ghiurnate / a fa’ sciacquitto.

    E lu sentire schitto / turnà‘ lu zampognaro / nce mette ‘allummacare / alleramente.

    Nce fà venire a mente / la luminosa stella, / la bella grotticella / e li pasture.

    Che gruosse e criature / dall’angelo avvisate / currevano priàte / a la capanna.

    E chi lle porta o manna / co ceste e co panare, / e chi lo va ‘adurare / a faccia nterra.

    E da luntana terra / pe ffino li tre magge / cu traine e carriaggi / se partettero.

    Ch’appena che vedettero / lu cielo alluminato, / dicettero era nato / lu Messia.

    E con gran cortesia / vediste aggenucchione / de nanze a nu guaglione / tre regnante.

    Arode, re birbante / trasette già paura / ca chella creatura / lo spriorava.

    E pecchè se tremmava, / chell’arma mtraverzata / fà fà‘ chella salata / de guagliune.

    Che, simmele a picciune, / li ffacette scannare, / pe farece ncappare / a lu bammino.

    Chiù nfame, chiù assassine, / n’avite visto maie?! / E nterra nun chiavaje / tanno per tanno.

    Ma le restaie lu inganno / nè ne caccia niente / cu tutte li nuziente / ch’accedette.

    Chè la Madonna avette / da Cielo lu cunziglio / de ne fuì’ lu figlio / tanno, tanno.

    Sti ccose già se sanno, / ma quanno è chistu juorno / nce arrollano chiù attorno / a la memoria.

    E sia ditto pe gloria, / nce portano allegrezza, / tanto che nc’è prezza / p’ogne parte.

    E sulo all’addonare / ch’asciute so’ lo pigne / te preje a chillu signe / de Natale.

    Vi’ mo p’ogne locale / pe ppuoste e pe puntune, / li rrobbe so’ a muntune / apparicchiate.

    A festa so’ aparate / purzì fora li vie / poteche, spezierie / e bancarelle.

    E nne vide spurtelle, / panare, votte e ceste, / e scatole e caneste, / e gran spurtune!

    D’anguille e capitune / e pisce d’ogne sciorte / ne vide grosse sporte / a centenare.

    Tutta sta rrobba pare / putesse abbastà‘ n’anno / e pure tanno, tanno / scomparisce.

    La gente trase e esce, / e corre e va e vene, / e spenne quanto tene / pe la canna.

    Nè truove chi nun manna / n’aurio o nu rialo: / sarrà malo Natalo / nun mannà‘ niente.

    Lu strazio de’ nuziente / se fà cu li capune, / che sogno a milione / scapezzate.

    Neh! vuie quanno truvate / chiù festa e chiù allegria? / ma la pezzenteria / nun canuscimmo.

    E nuie perzò venimmo / co festa cante e suone / a purtà‘ lu buono / principio d’anno.

    Priesto ca feneranno / li guaie e li turmeinte, / nè mmaie cchiù lambente / sentarrate.

    Spero che vedarrate / spuntà‘ pe vvuie na stella / lucente comm’a chella / e auriosa.

    Spero ch’assaie sfarzosa / la sciorte addeventasse, / e che ve contentasse / a tutte quante.

    Si si’ niuziante / sempre puozz’aunnare / comm’aònna lu mare / ntutte ll’ore.

    Si po’ si’ vennetore / e tiene magazzino / Se pozza ògne carrino / fà‘ ducato.

    Si po’, si’ n’avvucato, / te dico solamente / che puozze avè’ cliente / cape tuoste.

    Pecchè l’abbusco vuosto / nce stà d’ogne manèra: / o perde, o va ngalera, / o fà denare!

    Puozze, si si’ nutare, / fà‘ poche testamiente, / capitule e strumiente / nzine fine.

    Si’ nu ngegnere fine? / Truvasse ricche pazze / per fravecà‘ palazze / e turriune.

    O meglio a la comune / aggranfete cull’ogne, / ca llà sempe se mogne / e se va nchino.

    Si’ n’ommo traffichino / e vuo’ cagnare stato? / rijesce deputato / o conzigliere.

    Tanno si’ cavaliere? / Si lu guverno appruove / ll’anema de li chiuove / venarranno.

    Si prevete? Te manno / ll’aurio ca dimane / si’ fatto parrucchiano / o monsignore.

    Si si’ faticatore, / salute, forza e accunte! / Accossì tu la spunte / e può campare.

    Però aje da scanzare / lu juoco e la cantina / o ncuorpo la matina / niente trase.

    Si si’ patrone ‘e case / te scanza lu Signore / de male pavature / comm’a nnuie.

    Che ntiempo se ne fuie / li tterze si nun pava / e se porta la chiava / d’altrittante.

    Si po’ si navigante / nn’avisse maie tempeste / fà‘ li viagge leste / e ricche ancora.

    Si’ miedeco? Bonora / me’, mbruoglie nveretate! / Va’, puozze ogne malate / fà‘ guarire.

    Sti bobbe, pozzo dire, / si si’ nu speziale / sanasse ogne male / ogne dulore.

    Si po’ si’ ghiucatore, / venga la carta mpoppa / nè puozze maie fà‘ toppa / a zecchinetto.

    Si essere prutetto / da la fortuna vuoje / cerca ‘e fà‘ quanto puoje / d’essere ciuccio.

    Si’ quacche mpiegatuccio? / Puozze piglià‘ nu terno / si no starraje n’eterno / ndebetato!

    Nzomma, nqualunque stato / avisse li rrecchizze / e chelle contentizze / c’addesirie.

    E chi tene mmiria / che pozza fà‘ na botta / o lle scennesse sotta / nu contrappiso.

    Troppo nce avite ntiso, / e ve site stufate, / e nuie simmo stracquate / e sete avimmo.

    Daccò nun ce muvimmo / la faccia è troppa tosta, / simmop venute apposta / e ll’aspettammo.

    Neh! Ch’addesiderammo? / Castagne, fiche e nuce, / e autre cose duce, / e susamielle.

    Duie o tre canestrielle / abbastano a sta panza: / sapimmo la crianza / e simmo poche.

    Primma de chessa lloche / nce apriete la dispensa: / simmo de confidenza, / pigliammo tutto!

    O provole, o presutto, / n’arrusto o nu castrato, / o friddo o sia scarfato / nu capone.

    Nuie, l’obbricazione / sapimmo esattamente, / nè ce restammo niente / pe farve annore.

    Ca site nu signore / sfarzuso e corazzone, / e ntutte l’occasione / nun scumparite.

    Piacere anze n’avite, / si v’immo scommorato, / e nce addesiderate / l’anno che vene.

    Tanno trovà‘ cchiù bene / sperammo e cchiù allegria / e na speziarìa / ‘e cose doce.

    Nce resta anze la voce / pe ve cercà‘ licenza / dann’ a sta bona udienza / la bona notte:

    E bona notte, / Buon capodanno a tutte, / e bona notte!

  2. ggugg ha detto:

    Nell’editoriale dell’ultimo numero di «Antropologia Museale» (anno 4, n.15, inverno 2007) Vincenzo Padiglione tratta il tema dei beni immateriali e della loro definizione terminologica, criticando una frase di Marino Niola riportata nell’articolo di Repubblica che ho linkato alla nota 2.

    ARCHEOLOGIA VIVENTE?
    di Vincenzo Padiglione

    30 dicembre 2006, nel tempo riservato a bilanci e progetti, giunge una buona notizia. Riguarda proprio il patrimonio demoetnoantropologico. Il nostro parlamento sta deliberando due convenzioni Unesco che impegnano l’Italia a salvaguardare la “Diversità Culturale” e i “Beni Immateriali”. La prima si riferisce soprattutto ad espressioni artistiche, quali il cinema e il teatro. Della seconda apprendiamo sempre da un quotidiano nazionale che si starebbe (il MIBAC?) scegliendo «i pezzi di memoria collettiva da conservare e salvare dall’oblio»: «una lista degli eventi» di tradizione popolare da inserire tra i Beni Intangibili del Patrimonio Unesco dell’Umanità. Sono nomi e temi sui quali i nostri studi e il nostro lavoro museale ci hanno portato ad estrema prudenza. L’articolo è corredato da un breve commento di un antropologo universitario che plaude l’intervento e prevede che «in ogni caso l’inscrizione nel catalogo Unesco avrà una ricaduta molto positiva nel restituire al folklore italiano la sua vera natura di “archeologia vivente”, non soltanto turistica, non soltanto da cartolina». Conosco questo collega e non ho dubbi a ritenere che, se ha veramente usato queste parole, in altra sede sarebbe stato più prudente.
    Definire feste popolari e saperi etnomusicali «la ricchezza della nostra archeologia vivente» è un’affermazione sicuramente ad effetto ma capace di evocare concezioni e programmi di ricerca che sono stati fortemente contrastati nella storia dei nostri studi antropologici e che oggi – essi sì – rappresentano relitti, roba da archeologia del sapere.
    Tra Otto-Novecento l’etnografia si occupava di alterità culturali esotiche e popolari, ridefinendolo come “fossili viventi”, come «preziose sopravvivenze che permettono di ricostruire il percorso della storia umana… e che bisogna registrare prima che il progresso livellatore le cancelli oppure le dissolva nel gran mare della cultura dominante o moderna» (Puccini 1991: 30). Di questo programma di ricerca l’antropologia novecentesca ha cancellato buona parte. Non solo l’idea di un’evoluzione unilineare e l’esistenza di primitivi, selvaggi e popolani che, come tali, ci documentano sui primi stadi dell’umanità. Ma la focalizzazione stessa sulle origini per le differenze culturali. Approcci funzionalismi, simbolici e interpretativi hanno donato centralità al presente. Proprio Clifford Geertz, che in questo numero «AM» ricorda per la recente scomparsa, identifica la cultura in un sistema di simboli e significati instabili e mutevoli, che esiste e possiamo comprendere nell’atto in cui si manifesta come contestualizzazione pertinente delle relazioni. Una critica ancor più radicale allo sguardo antiquario degli esordi dell’antropologia è sopraggiunta dagli indirizzi riflessivi e postcoloniali. Sono stati considerati pregiudizi vessati da collusioni con il potere sia la dislocazione dei nativi in una temoporalità altra e distante rispetto a quella dell’etnografo, sia l’eroizzazione del ricercatore impegnato nella missione di salvataggio spirituale di popoli in via di dissolvimento. L’anticipato annuncio della scomparsa della varietà culturale non si è verificato. Le differenze si sono andata in modi inediti riproducendo e molte culture che immaginavamo in procinto di estinguersi hanno usato le loro “tradizioni” per resistere al “progresso livellatore” e per elaborare un loro modo di essere moderni.
    È vero. Ancora nei musei etnografici permengono di sovente e in modo acritico poetiche delle origini, attenzioni verso le sopravvivenze e i relitti, stili di discorso (si pensi al presente storico) propri di paradigmi, considerati dalla comunità scientifica obsoleti. Da un paio di decenni, però, una nuova museografia si va affermando. Non espone solo artefatti “tradizionali”. E se lo fa mette a problema sia l’eventuale vischiosa permanenza di forma ed uso sia le retoriche, gli immaginari e i processi negoziali implicati nell’etichettamento e nell’impiego di nozioni come “tradizione”, “arcaicità”, “autenticità”. Sostantivi, questi, che il trattamento riflessivo della museografia etnografica oggi trasforma in aggettivazioni, grazie alle quali i contemporanei (istituzioni, comunità e studiosi) esprimono il loro rapporto con il passato, operano selezioni, inclusioni, esclusioni e ridefinizioni, segnalano processi di affezione verso alcune delle forme culturali in uso o in disuso, immaginano radici, affermano continuità. In modo assai chiaro l’antropologa americana Barbara Kirshenblatt-Gimblett (“Destination Culture. Tourism, Museums, and Heritage” 1998) ha definito il patrimonio «un prodotto culturale contemporaneo non una rappresentazione del passato, un nuovo modo di produzione culturale nel presente che fa ricorso al passato. Non qualcosa che si è perso, trovato, rubato o reclamato».
    Si deve proprio alla sensibilità antropologica una nuova nozione di patrimonio che, nel rendere meno irrigidito, idealizzato e fallace (perché ingenuo ed essenzialista) il riferimento al passato, ne mantiene l’importanza sociale, ne coglie la centralità politica, ne accresce il valore di risorsa affettiva e identitaria.
    Parlare allora di “archeologia vivente” per indicare un presente attivo, vitale e pieno di futuro, anche se ricco di umori del passato, sembra un ossimoro assai fuorviante.
    Rende almeno al livello dell’immaginario mediatico uno dei settori di maggiore caratterizzazione della prospettiva demoetnoantropologica (i beni immateriali) un’applicazione tra le tante possibili della archeologia. Tradisce la specificità dei beni intangibili, che Cinese definiva “volatili” per segnalare il carattere di performance e dunque la loro radicale differenza dalla cultura materiale, di cui l’archeologia è da tempo il sapere strategico di riferimento. Compone un lapsus, assai frequente in quanti ricercano in passati remoti indizi per valorizzare fenomeni che dopotutto a loro appaiono ben poco dignitosi, ricercano antenati nobili trattando con trascuratezza le tracce della memoria delle generazioni appena precedenti.
    Proprio la presenza di beni immateriali all’interno di mostre e musei rende oggi protagonista, non più facilmente occultabile, queste generazioni: la loro e la nostra contemporaneità, i linguaggi tecnologici espressivi, le polifonie delle testimonianze, gli immaginari stratificati. Perché mai tutto ciò dovrebbe turbare l’idea di patrimonio? L’arte contemporanea ha costruito un suo modo specifico di starvi all’interno innovando pratiche, valori e sensibilità. Altrettanto sta facendo con rigore e sottovoce l’etnoantropologia.
    Così, senza rinunciare al piacere per la buona notizia, e ringraziando il collega per la ripresa del dibattito, ci mettiamo al lavoro per evitare che questi “pezzi” di memoria e questo “oblio” non siano del genere nostalgia, o peggio vocazione a guardare la gente in festa o “in tradizione” come arcaica e strana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...