Londra, Burundi

burundi 2005Non lo so, non so che scrivere. Dunque, forse, farei meglio a restare in silenzio. Ma il mio stato d’animo è più che triste: arrabbiato. Osservare l’orrore di Londra da un Paese sofferente come il Burundi fa ancora più male, perché qui esci per strada e pensi che potresti essere in Inghilterra dopo quel massacro. Qui vedi gli effetti della guerra, del sangue versato, della violenza, dell’odio, della distruzione. Qui vedi che il dolore dura anni, forse per sempre. Qui osservi un popolo sfiancato, e ti rendi conto che rialzarsi è faticosissimo. Qui ti scontri con disparità irragionevoli. Qui vedi la malattia e le ferite. Qui prendi coscienza che immaginare il mutamento è difficile, che la speranza è un lusso. Qui cogli quanto costi mantenersi puliti e degni. Qui impari che il “nemico” è subdolo e manipolatore, e che non riesci quasi mai a riconoscerlo. Qui ti senti come in metropolitana a Londra: vittima senza un perché e senza scampo. Basta. Basta con l’orrore.

Annunci

Informazioni su giogg

Studio il rapporto tra gli esseri umani e i loro luoghi, soprattutto quando si tratta di luoghi "a rischio"
Questa voce è stata pubblicata in burundi, burundi 2005, guerra e pace, viaggi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Londra, Burundi

  1. anonimo ha detto:

    Inspiegabile l’enigma del male… violenza è per me anche l’assenza di giustizia sociale, l’aggressione a popoli inermi e già straziati da decenni di lacrime e dolori inferti loro senza misericordia, l’imposizione forzata di un qualsiasi credo usurpando il nome del divino, per chi crede che ciò abbia un senso, o dell’uomo per chi come me accetta l’esistente e non si interroga sull’inconoscibile.
    Dopo Auschwitz ci fu chi, come Elie Wiesel, si chiese dov’era Dio, e chi, come Primo Levi, dov’era l’uomo…
    Non ho risposte né mi accontento delle definizioni… resta solo ogni volta questo lurido intreccio di male subìto e commesso… A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...